Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

sabato 9 aprile 2016

Brutte notizie per Insight

In seguito ad un problema ad uno degli strumenti di bordo del lander (un sismografo di produzione francese) la direzione della missione Insight e la NASA stessa si sono trovate ad un bivio: inviare lo stesso il lander senza il sismografo difettoso utilizzando l’attuale finestra di viaggio verso Marte o attendere la prossima finestra del maggio 2018 spendendo però altri 150 milioni di dollari per gestire il ritardo?
Insight lander [NASA-JPL/Caltech]
La risposta scelta è stata la seconda, dato che il sismografo incriminato era uno strumento molto importante per la missione che quindi andava posticipata.
Insight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) verrà quindi lanciata il 5 maggio 2018 e scenderà sul pianeta rosso il 26 novembre dello stesso anno.
L’ambiziosa missione intende raccogliere approfondite informazioni circa la geologia di Marte e i suoi movimenti sismici, ma l’elemento più strabiliante è composto da una trivella che sarà in grado di scendere fino a 5 metri di profondità, quota mai raggiunta da una sonda marziana.


Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica. La rivista viene distribuita gratuitamente via web. Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite. Link diretto al numero 199.

giovedì 7 aprile 2016

Notizie da Marte

Mars Science Laboratory

Curiosity – Marte, Sol 1282 (14 marzo 2016).

Il grande rover si trova alle falde del Monte Sharp, una formazione rocciosa alta 4800 metri posta al centro del cratere Gale, dove è atterrato oltre tre anni fa.

Il controllo missione ha nominato la nuova equipe che si occuperà del rover ed è composta di 28 elementi, sei dei quali nuovi per questa specifica missione.

Durante la missione primaria di Curiosity, completata nel 2014, il progetto ha raggiunto il suo obiettivo principale, trovando prove che Marte anticamente ha offerto condizioni ambientali tali da possedere tutti i requisiti per sostenere la vita microbica.
Durante la prima missione estesa di Curiosity, i ricercatori stanno utilizzando il rover nei pressi delle falde del monte Sharp per studiare le stratificazioni e capire come è cambiato l’ambiente di Marte passando da condizioni di bagnato favorevoli per la vita microbica alle attuali severe condizioni asciutte.

Il lavoro prosegue.


Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica.
La rivista viene distribuita gratuitamente via web.
Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite.
Link diretto al numero 199.

mercoledì 6 aprile 2016

Notizie da Marte

Mars Exploration Rover.

Opportunity – Marte, Sol 4315 (14 marzo 2016).

Il MER-B si trova sul margine meridionale della “Marathon Valley”, su una superficie inclinata verso sud di 30 gradi, il “Knudsen Ridge”, in modo da massimizzare l’illuminazione dei pannelli solari.

Il dodicesimo compleanno su Marte è passato e con lui sta anche passando l’inverno che ha costretto il team di Terra a minimizzare le operazioni del rover che si sono limitate a riprendere delle immagini e alla rilevazioni dei parametri meteorologici.
È stata scelta una posizione privilegiata, non soltanto per l’inclinazione a sud, ma anche per la presenza di materiali argillosi intorno a lui in modo da poterne osservare il comportamento durante il periodo invernale.
Periodo invernale che comincia ad essere alle spalle e quindi il nostro rover sta ricominciando ad effettuare dei piccoli movimenti per analizzare ciò che lo circonda.

Al Sol 4303 (1 marzo 2016), l’energia generata dai pannelli solari è stata di 585 Wh con un’opacità atmosferica (Tau) di 0,429 e un fattore polvere sui pannelli di 0,736 (pannelli perfettamente puliti hanno un fattore polvere di 1).
Tutti i sistemi sono in condizioni di funzionamento nominale.
L’odometria totale è ora a 42,66 km percorsi sulla superficie di Marte, più di una maratona...

Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica.
La rivista viene distribuita gratuitamente via web.
Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite.
Link diretto al numero 199.